Welcome to 0585news   Click to listen highlighted text! Welcome to 0585news
3:45 pm - venerdì Agosto 23, 2019

Salute della donna: open week di “Onda” all’ospedale Apuane un’iniziativa per approfondire gli aspetti ginecologici legati alla menopausa

591 Viewed redazione Commenti disabilitati su Salute della donna: open week di “Onda” all’ospedale Apuane un’iniziativa per approfondire gli aspetti ginecologici legati alla menopausa
Spread the love

Con l’iniziativa di ieri, dedicata alla menopausa, si sono conclusi gli incontri organizzati dalla Direzione medica di Presidio dell’ospedale Apuane, rivolti alla cittadinanza, in occasione della quarta edizione dell’Open Week della Fondazione “Onda”, l’osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

“Iniziative, quelle di Onda – commenta Susanna Salvetti, medico della Direzione medica di Presidio dell’ospedale Apuane – che valorizzano i percorsi a misura di donna presenti all’interno dell’ospedale, un aspetto importante e rilevante per tutta l’Azienda USL Toscana nord ovest”.

“La menopausa – ha spiegato Alessandro Ghelardi, ginecologo dell’ospedale Apuane – segna un periodo delicato nella vita di ogni donna, per una serie di profondi mutamenti non solo fisici ma anche psico-emotivi. Dal punto di vista fisico le donne possono sviluppare, nel corso degli anni, tra gli altri, disturbi dell’apparato genitourinario, purtroppo con sintomi che vengono spesso sottovalutati. E’ importante quindi agire con una attenta prevenzione, affidandosi al proprio ginecologo di fiducia, oppure, prenotando tramite CUP, una visita specialistica ginecologica. All’ospedale Apuane – ha ricordato ancora Ghelardi – è presente un ambulatorio dedicato alle patologie oncologiche-ginecologiche per la fase della diagnosi, del trattamento e delle visite di controllo”.

E’ stato inoltre sottolineato che è importante aderire alle campagne di screening presenti in Azienda. Lo screening per il carcinoma del collo dell’utero è un intervento sanitario che ha lo scopo di diagnosticare le lesioni pre-tumorali o il tumore in fase precoce, cioè prima che compaiano sintomi, in modo da prevenire lo sviluppo del tumore e migliorarne la prognosi. Il programma di screening della Regione Toscana è rivolto a tutte le donne nella fascia di età 25-64 anni e prevede l’invito attivo, ovvero è l’Asl che con lettera invita le donne all’adesione.

Dal 2017, in Regione Toscana, per le donne in età 34-64 anni il test di screening non è più il pap test, striscio cervico vaginale, ma il test HPV primario ad alto rischio per una più efficace prevenzione del tumore del collo dell’utero in questa fascia di età.

Il prelievo si effettua con le stesse modalità del pap test : se il test HPV è negativo si invita a ripetere il test di screening dopo 5 anni. La prevenzione del carcinoma del collo dell’utero è tanto più efficace quanto maggiore è l’adesione delle donne. “Nell’ambito di Massa e Carrara – ha precisato la responsabile Cristina Nicolai – nel 2017 a fronte di 17.649 donne invitate al test Hpv hanno risposto 10.058 donne, quindi il 58%”.

Da rilevare infine che sugli aspetti psico-emotivi legati alla menopausa, ripresi dalla campagna di “Onda”, incidono in maniera significativa i disturbi legati all’intimità di coppia e al benessere intimo; anche in quest’ultimo caso è possibile, consultandosi con un ginecologo, migliorare il proprio benessere e la qualità della vita con una terapia condivisa e personalizzata.

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.
Filed in

I VOLONTARI DEL “VOLTO DELLA SPERANZA” ALL’HOSPICE “DON GNOCCHI” DI MARINA DI MASSA Garantita la presenza di un volontario quasi tutti i giorni della settimana

La via Crucis dei bambini oncologici

Related posts
Comments are closed
Click to listen highlighted text!