Welcome to 0585news   Click to listen highlighted text! Welcome to 0585news
2:02 pm - mercoledì Settembre 18, 2019

Massa,seimila per Salvini a Marina : «Mai a un governo dei perdenti»

1021 Viewed redazione 0 respond
Spread the love

Bagno di folla ieri sera per il ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini alla festa regionale del Carroccio che quest’anno si è svolta a Marina di Massa al parco della Comasca.

Oltre 6mila i militanti che hanno ascoltato Salvini arrivato poco dopo le 21 e il cui intervento è durato circa mezz’ora.

«Noi chiediamo la cosa più democratica del mondo – ha esordito – e-le-zio-ni. Ci danno dei “fascisti” ma in nessun paese al mondo i fascisti vogliono votare. Gli unici pericoli per gli italiani sono chi si chiude in una villa per svendere il Paese a Renzi, alla Boschi e a Prodi. Io ho una dignità e vi dico che non andrò mai al governo con loro. Andatelo a dire a quelli che protestavano contro Banca Etruria e il Monte dei Paschi di Siena che fate l’accordo col Pd». Il riferimento è naturalmente al possibile accordo Movimento 5 Stelle-Pd e al vertice dei pentastellati tenutosi ieri nella casa di Beppe Grillo a Marina di Bibbona.

«Prima o poi la scheda elettorale la daranno agli italiani – ha proseguito il leader della Lega – e gli italiani se lo ricorderanno. Abbiamo calma e pazienza, anche in queste ore. Se qualcuno vuol fare il governo con Renzi e Boschi dovrà passare sul mio corpo. Non lascerò ai “compagni” la soddisfazione di lasciare il ministero dell’Interno perché fino all’ultimo difenderò l’Italia e i suoi confini con le unghie e con i denti». «Siamo in mano – ha proseguito – a una trentina di renziani. Il futuro del popolo italiano, delle imprese, delle famiglie e della giustizia è in mano a una trentina di senatori renziani che, se si va a votare, non li vota neanche il loro babbo».

«Io martedì ascolto il presidente del Consiglio – ha detto il vicepremier – Dipende da cosa dice il presidente del Consiglio, da che idea ha dell’Italia. Conte è ancora il mio presidente del Consiglio, ma il rapporto è ormai epistolare. Lui mi scrive lettere e io gli rispondo via lettera. Martedì a mente aperta lo ascolterò. Se dice applichiamo la flat tax, la cosa che vogliamo fare noi… altrimenti vediamo». L’auspicio per Salvini è che «il Parlamento ragioni e voti con coscienza. Spero in un sussulto di dignità e coscienza dei parlamentari. Fare il governo dei perdenti sarebbe un insulto agli italiani».

«Preferisco – ha sottolineato – tenermi stretta la mia Lega, piccola, arcigna e libera. La Lega non è in vendita. Le poltrone ci servono finché riusciamo a fare le cose. Altrimenti in 15 secondi i ministri della Lega si alzano e se ne vanno. O si governa o si vota». Il discorso di Salvini è stato più volte interrotto dagli applausi e dalle ovazioni al grido di «Matteo, Matteo!» e si è concluso con gli immancabili selfie coi suoi sostenitori.

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.

Massa,Traffici illeciti, sequestrati 200 grammi di cocaina e arrestato un marocchino

Crisi di governo, ecco i nodi politici che vengono al pettine

Related posts
Comments are closed
Click to listen highlighted text!