Welcome to 0585news   Click to listen highlighted text! Welcome to 0585news
11:46 am - lunedì Ottobre 14, 2019

Bugliani: «Pronto alla battaglia per i paesi a monte»

1196 Viewed redazione 0 respond

Pulica, Marciaso, Tendola e Posterla. Gronda, Redicesi, Renara, Casania, Resceto e Guadine. Una manciata di frazioni lunigianesi e massesi che in comune hanno l’assenza di segnale per la telefonia mobile. Per comunicare, in quelle zone montane, c’è ancora bisogno del fisso e i disagi per i residenti non sono pochi, ma soprattutto rischiano di assumere i tratti di vere e proprie carenze in termini di sicurezza.

Investire decine di migliaia di euro per pochi residenti, (Casania, ad esempio vanta 26 abitanti) non sembra essere una priorità per le compagnie telefoniche e a poco sono valse, fino ad oggi, le trattative con il Comune per imporre ai privati di coprire anche le zone potenzialmente “poco redditizie”. Qualcosa dal mondo politico, però, potrebbe muoversi.

“Una situazione grave a cui dover porre rimedio quella delle multinazionali della telefonia che non investono nei territori più isolati e, quindi, disagiati della montagna massese e carrarese e di alcune zone della Lunigiana”. Così il consigliere del Pd in Regione Toscana Giacomo Bugliani rilancia l’allarme della mancanza di linea telefonica e fa proprio l’appello degli abitanti delle cinque frazioni montane che si trovano solo a pochi chilometri dal centro città di Massa e anche di quelli di alcuni Comuni della Lunigiana, come Fosdinovo e Fivizzano. “Per quel che mi è possibile – aggiunge Bugliani – mi sono subito attivato con il presidente del Comitato Regione delle Comunicazioni della Toscana, Enzo Brogi, al quale proprio questa mattina ho anche inviato una lettera in cui chiedo di fare il possibile per sensibilizzare le multinazionali che operano nel settore a questo problema, che isola tanta parte del nostro territorio e che crea anche situazioni di reale pericolo tutte le volte in cui ci sia bisogno di effettuare chiamate urgenti”. Per Bugliani è fondamentale che le multinazionali si convincano ad investire anche in queste piccole frazioni: “Faró una battaglia per questo – assicura il consigliere- . Credo, infatti, che questi luoghi, oltre ad accogliere una parte significativa della nostra popolazione (alla quale vanno garantiti sicurezza e servizi essenziali), possano anche rappresentare una risorsa preziosa per il sistema turistico locale e regionale e, per questo, sono convinto che vada fatto il possibile affinché le popolazioni rimangano ad abitare questi borghi e non li abbandonino in favore delle città”. Bugliani fa, poi, una raccomandazione: “Gli interventi vanno fatti con cura e nel rispetto dell’ambiente e delle bellezze paesaggistiche, per cui auspico che vengano fatti interventi che garantiscano le comunicazioni e il servizio di telefonia e di internet, preservando, al contempo, la bellezza di questi luoghi, che poi ne è la ricchezza fondamentale”.

“Rassicuro il consigliere regionale Giacomo Bugliani perché forse, stando troppo a Firenze, non è aggiornato sulle tematiche massesi: non è necessaria alcuna battaglia con nessuna multinazionale di telefonia mobile, l’Amministrazione comunale è già nelle fasi burocratiche finali per l’installazione di antenne che coprano le vallate montane ancora senza segnale”. E’ la replica dell’assessore Andrea Cella alle dichiarazioni del consigliere regionale sulla mancanza di linee telefoniche nei paesi a monte. “Ebbene sì, dopo decenni d’immobilismo, di cui il consigliere del PD dovrebbe essere informato dato che ha ricoperto anche la carica di consigliere comunale con la Giunta Volpi, l’amministrazione Persiani è arrivata alla soluzione: verrà apposto un singolo apparato nella zona di Pian della Fioba che garantirà copertura alla vallata di Guadine, Casania, Resceto, Gronda, Renara e Redicesi. Se per caso dovesse passare da Massa, invito il consigliere regionale a fermarsi al palazzo comunale così gli illustrerò il lavoro svolto e potrà capire che qua i toni battaglieri su questo argomento servono solo alla campagna elettorale. L’amministrazione conosce i problemi e li sta risolvendo lavorando a testa bassa: in un solo anno ha risolto un problema che tutte le amministrazioni di centro sinistra precedenti hanno snobbato. Spero che i toni del comunicato stampa di Bugliani non siano sintomo proprio di insicurezza, dato che si vocifera di ingombranti competitors montignosini interni al PD per la prossima tornata elettorale di Toscana 2020. Se fosse questo il caso preciso che non abbiamo bisogno di slogan, ma di aiuti concreti, per cui invito il consigliere ad aiutare il territorio concretamente rispetto, per esempio, alle crisi aziendali, al riconoscimento di Massa come area di crisi complessa, alla ristrutturazione dell’incubatore d’impresa di via dorsale, insomma a tematiche che davvero richiedono uno sforzo in ambito regionale”.

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.

Il maggiore Ghiorzi è il nuovo comandante della Compagnia di Pontremoli

Intensa l’attività socio sanitaria della Misericordia di Bagnone: appello per avere i volontari ed i ragazzi del Servizio Civile

Related posts
Comments are closed
Click to listen highlighted text!