Welcome to 0585news   Click to listen highlighted text! Welcome to 0585news
10:25 am - lunedì Ottobre 14, 2019

Biagini: “Non permetteremo che Carrara sia privata dei servizi sanitari”

789 Viewed redazione 0 respond

Quest’oggi è stato dato un segnale importante all’ amministrazione del comune di Carrara e ad ASL.
Il raduno sotto la casa comunale, anche se organizzato in soli cinque giorni, con la partecipazione di tanta gente comune, e di diversi consiglieri dell’opposizione (brillava l’assenza di politici del PD) rappresenta un chiaro messaggio di fiducia per continuare la via intrapresa per salvare il Monoblocco e la sanità pubblica nel nostro territorio. Restiamo contrariarti dal modus operandi del sindaco De Pasquale e della sua giunta, capaci solo di far incontri a porte chiuse, escludendo non solo i comitati cittadini ma anche le parti sociali e le organizzazioni che rappresentano gli operatori del settore. Un comportamento inqualificabile sotto il profilo democratico che preclude volutamente partecipazione e trasparenza. L’Amministrazione ha il dovere di rendere aperto e trasparente ogni suo incontro soprattutto quando si tratta di salute, un diritto ineludibile che interessa tutti. «Credo di esprimere la delusione e l’amarezza di molti che hanno creduto in un’amministrazione che si era presentata come “il nuovo che avanza, la correttezza e, soprattutto, la trasparenza fatte persona”. Come presidente, esprimo il mio sconcerto e disappunto verso questo sistema di rapportarsi con la cittadinanza.
All’incontro odierno dell’amministrazione con i vertici Asl, anche in vista dei prossimi incontri, ci sembrava opportuno che il sindaco De Pasquale facesse partecipare una ristretta rappresentanza del nostro Comitato, per rispetto verso la cittadinanza che lui, primo cittadino dovrebbe rappresentare e tutelare. La trasparenza, la partecipazione, lo streaming erano le parole d’ordine della campagna elettorale pentastellata.

Il sindaco, invece, scortato dalla portavoce Cinzia Chiappini, è apparso per dire ai presenti che avrebbe ascoltato le diverse ipotesi per il monoblocco di Carrara. Ma niente di più. Noi del Comitato Primo Soccorso e Urgenza Carrara abbiamo ribadito che chiediamo a lui, visto il suo ruolo e la sua responsabilità di garante della salute della cittadinanza, di parlar chiaro, se già non lo ha fatto, con ASL e Regione Toscana per garantire con il Monoblocco la sanità pubblica. Gli abbiamo ricordato che ASL durante incontri coperti dal segreto “di servizio” ha già parlato di un progetto di abbattimento. Senza alternative. Punto e basta.

Pareva quasi che dietro l’imbarazzo del sindaco questo pomeriggio si nascondesse una decisione già presa, altrove, per Carrara.

Noi non ci stiamo e insistiamo sul nostro NO all’abbattimento del monoblocco, ristrutturato e inaugurato solo due anni fa con un forte esborso di denaro pubblico. Dagli attuali 15 mila metri quadrati, si passerebbe ai circa cinquemila della ipotetica nuova palazzina che ASL vorrebbe costruire.

Lo ribadiamo senza esitazioni: Carrara ha già pagato troppo in materia di perdita di assistenza e servizi sanitari. I servizi territoriali per i cittadini e l’intero territorio provinciale devono essere mantenuti e potenziati all’interno del Monoblocco. Basta a ipotesi avventuristiche di abbattimenti e macerie per costruire (ma ne siamo sicuri?) chissà che cosa e chissà quando, lasciando Carrara e la provincia in ginocchio.

Vogliamo la verità. Non parole, non promesse. Vogliamo che la sensazione frustrante di questo pomeriggio scompaia e che ci sia mostrato con chiarezza che si pensa veramente alla salute dei cittadini, non a risparmiare e a speculare sulla loro pelle.

Ai decisori politici e agli amministratori diciamo chiaramente, ancora una volta: Carrara non sarà desertificata. Carrara non sarà depauperata di servizi essenziali di sanità pubblica. Non lo permetteremo.”

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.
Filed in

Evidente successo per la raccolta firme in sostegno di Matteo Salvini, i numeri in provincia di MS

Superbatterio New Delhi e stato diffusione infezioni, Marchetti (FI) «Monitorare non basta, via ad azioni di contrasto incisive»

Related posts
Comments are closed
Click to listen highlighted text!