Quello che la gente sa del virus H5N8, il ceppo di influenza aviaria che ha infettato un uomo in Russia

Quello che la gente sa del virus H5N8, il ceppo di influenza aviaria che ha infettato un uomo in Russia

21 Febbraio 2021 Off Di redazione
Spread the love

La Russia ha annunciato sabato (20 febbraio) di aver rilevato il primo caso di trasmissione umana del ceppo H5N8 dell’influenza aviaria, aggiungendo di aver informato l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) della “importante scoperta”.

“The Obs” fa il punto su ciò che sanno di questo ceppo di influenza aviaria che ha infettato un uomo in Russia

# Cosa è successo in Russia
“Il laboratorio ha confermato il primo caso di infezione di una persona con il virus del gruppo A, l’influenza aviaria AH5N8”, ha detto alla televisione Anna Popova, capo dell’agenzia sanitaria russa Rospotrebnadzor.

Questo virus è stato rilevato in sette persone infette in una fabbrica di pollame nel sud della Russia, dove un’epidemia di influenza aviaria ha colpito gli animali nel dicembre 2020, ha detto Anna Popova, aggiungendo che i malati “si sentono bene” e non hanno complicazioni.

“Sono state prese rapidamente misure per portare la situazione sotto controllo” in questo focolaio, ha detto.
Sylvie Briand (QUI): di fronte a Covid, “possiamo guardare al futuro con un po ‘più di serenità rispetto a sei mesi fa”
# Il virus si diffonde da persona a persona?
Mentre il ceppo H5N8 ha “attraversato la barriera interspecie” trasmettendosi dagli uccelli all’uomo, “questa variante del virus non è attualmente trasmessa da persona a persona”, ha dichiarato ancora Anna Popova.

Ha detto che il rilevamento “dà a tutto il mondo il tempo di prepararsi” creando test e un vaccino “, nel caso in cui questo virus diventi più patogeno e più pericoloso per l’uomo e acquisisca la capacità di essere trasmesso da persona a persona”.

“Allora saremmo completamente armati e completamente preparati”, ha continuato.

Anche il laboratorio statale russo Vektor, all’origine della scoperta, ha stimato che oggi sia necessario iniziare a sviluppare un sistema di test che permetta di rilevare rapidamente i casi di questa malattia nell’uomo ”e di“ iniziare a lavorare ” su un vaccino.

“La tendenza non è buona”, l’avviso – 21/02
Clicca qui per ingrandire
“La conoscenza del microbiota apre un nuovo modo di praticare la medicina”
La Russia ha una lunga tradizione di ricerca nel campo dei virus e dei vaccini e in particolare ha sviluppato un vaccino contro il Covid-19, Sputnik V, che è più del 91% efficace secondo i risultati scientifici confermati da esperti indipendenti.

Anna Popova ha detto che la Russia “aveva già inviato queste informazioni all’Organizzazione mondiale della sanità”.

# Cosa dice l’OMS?
L’OMS, da parte sua, ha confermato all’Afp di essere stata informata dalla Russia della scoperta, che “se confermata sarebbe la prima volta che l’H5N8 ha infettato gli esseri umani”.

“Stiamo discutendo con le autorità (russe) per raccogliere maggiori informazioni e valutare l’impatto di questo evento sulla salute pubblica”, ha aggiunto l’organizzazione.

Secondo l’OMS, la trasmissione dell’influenza aviaria all’uomo è rara e richiede “un contatto diretto o stretto con gli uccelli infetti o il loro ambiente”. Tuttavia, questo virus “deve essere controllato” perché ha il potenziale di mutare.

La circolazione di alcune varianti dell’influenza aviaria nel pollame in tutto il mondo è “di interesse per la salute pubblica” perché sono in grado di “causare gravi malattie negli esseri umani” che hanno “poca o nessuna immunità al virus.», Aggiunge l’OMS.

Secondo l’organizzazione, gli esseri umani potrebbero già essere stati infettati dai virus dell’influenza aviaria dei sottotipi H5N1, H7N9 e H9N2.

Il vaccino dovrebbe essere un bene pubblico globale?
Un esperto intervistato da AFP, Gwenaël Vourc’h, direttore della ricerca presso INRAE, ha chiarito che questo tipo di virus “è noto per evolversi abbastanza rapidamente”.

“Per H5N8, non c’è stata alcuna trasmissione agli esseri umani fino ad oggi, ma è nell’ordine della possibile evoluzione virale”, ha aggiunto.

“Potrebbero esserci stati altri casi che non abbiamo visto, soprattutto se ha pochi sintomi”, ha detto l’esperto, secondo il quale i sette casi scoperti in Russia potrebbero essere solo “la punta dell’iceberg”.

# Sono interessati altri paesi?
Il ceppo H5N8 dell’influenza aviaria imperversa attualmente in diversi paesi europei, tra cui la Francia, dove milioni di animali sono stati macellati per fermarne la diffusione.

Il governo francese ha assicurato sabato che il virus dell’influenza aviaria H5N8 presente sul pollame in Francia non presentava, ad oggi, “nessun rischio di trasmissione all’uomo”, ma sono in corso confronti con il virus che ha contaminato le persone in Russia.

“Ad oggi sono state così ottenute 130 sequenze virali complete. Nessuna delle analisi condotte da ANSES (ndr: agenzia di sicurezza sanitaria) ha mostrato proprietà che diano adito al timore di un rischio di trasmissione all’uomo del virus dell’influenza aviaria presente nel pollame in Francia “, si legge in un comunicato stampa del Ministeri francesi dell’agricoltura e della salute.

FONTE:nouvelobs.com