Il governo tedesco difende la campagna di vaccinazione lenta

Il governo tedesco difende la campagna di vaccinazione lenta

Gennaio 13, 2021 Off Di redazione
Spread the love

BERLINO – Il ministro della Salute tedesco mercoledì ha difeso la decisione del governo di procurarsi e approvare i vaccini contro il coronavirus insieme al resto dell’Unione europea, tra le critiche che il lancio di iniezioni nel paese è stato troppo lento.

Notando che la Germania dipende dalla libera circolazione delle merci e delle persone attraverso i confini dell’UE, Jens Spahn ha detto ai legislatori che “era una questione di senso economico non vaccinare i paesi individualmente, ma tutta l’Europa”.

Mentre grandi paesi come Francia e Germania avrebbero potuto farcela da soli, le nazioni più piccole avrebbero lottato per competere per le dosi di cui hanno bisogno, suscitando acrimonia tra i 27 membri del blocco, ha detto.

l ministro della Salute tedesco mercoledì ha difeso la decisione del governo di procurarsi e approvare i vaccini contro il coronavirus insieme al resto dell’Unione europea, tra le critiche che il lancio di iniezioni nel paese è stato troppo lento.

Notando che la Germania dipende dalla libera circolazione delle merci e delle persone attraverso i confini dell’UE, Jens Spahn ha detto ai legislatori che “era una questione di senso economico non vaccinare i paesi individualmente, ma tutta l’Europa”.

Mentre grandi paesi come Francia e Germania avrebbero potuto farcela da soli, le nazioni più piccole avrebbero lottato per competere per le dosi di cui hanno bisogno, suscitando acrimonia tra i 27 membri del blocco, ha detto.

L’UE ha richiesto ai vaccini di ottenere un’autorizzazione regolare piuttosto che un permesso per l’uso di emergenza, una decisione che Spahn ha detto avrebbe aiutato ad aumentare l’accettazione per i colpi. Ma questo ha ritardato l’inizio della campagna di vaccinazione rispetto ad altri paesi.

La Germania ha finora somministrato colpi a 750.000 dei suoi 83 milioni di residenti, molto meno pro capite di Israele, Gran Bretagna o Stati Uniti.

I legislatori dell’opposizione hanno criticato il fatto che ciascuno dei 16 stati tedeschi stia organizzando gli appuntamenti per i vaccini in un modo diverso, senza una linea telefonica o un sistema centralizzato per garantire che i gruppi vulnerabili abbiano la priorità.

“Mi aspetto che il governo federale sia in grado di coordinare una questione così importante con gli stati in modo ragionevole”, ha detto il parlamentare del partito di sinistra Amira Mohamed Ali.

Spahn ha detto che è importante “rimanere realistici nelle prossime settimane”, aggiungendo che i tedeschi dovrebbero aspettarsi di dover indossare maschere, praticare le distanze sociali e ridurre i loro contatti per un po ‘di tempo.

Alti funzionari del governo questa settimana hanno avvertito che le misure di blocco della Germania potrebbero non essere sufficienti per ridurre le infezioni da COVID prima di Pasqua, soprattutto se le varianti apparentemente più contagiose che sono emerse in Gran Bretagna e Sud Africa prendono piede.

L’agenzia di controllo delle malattie del paese ha segnalato 19.600 infezioni da coronavirus confermate di recente nell’ultimo giorno e 1.060 decessi.

FONTE:APNEWS.COM