La Terra sta per ospitare un nuova mini Luna

La Terra sta per ospitare un nuova mini Luna

Settembre 24, 2020 Off Di redazione
Spread the love

Conosciamo bene la nostra Luna. Ma a girarci intorno non c’è solo lei.

A orbitare attorno alla Terra, infatti, possono esserci altri corpi celesti, spesso asteroidi, che vengono catturati temporaneamente (per mesi o anche per anni) dalla gravità terrestre. Solamente alcuni mesi fa, per esempio, abbiamo scoperto una mini Luna chiamata 2020 CD3, talmente piccola da non essere visibile ad occhio nudo e da non avere alcun effetto sulla Terra. Ora, secondo le stime, ne starebbe arrivando un’altra: si chiama 2020 SO, che ci raggiungerà il mese prossimo (ottobre 2020) e che rimarrà a farci compagnia fino a maggio 2021.

Asteroid 2020 SO may get captured by Earth from Oct 2020 – May 2021. Current nominal trajectory shows shows capture through L2, and escape through L1. Highly-chaotic path, so be prepared for lots of revisions as new observations come in. @renerpho @nrco0e https://t.co/h4JaG2rHEd pic.twitter.com/RfUaeLtEWq — Tony Dunn (@tony873004) September 20, 2020
Dalle simulazioni della sua traiettoria, la nuova mini Luna entrerà e uscirà attraverso due dei punti di Lagrange (o punti di oscillazione), punti gravitazionalmente stabili creati dall’interazione della forza gravitazionale della Terra con il Sole. Ma non solo: i primi dati sull’orbita e la sua bassa velocità suggeriscono che in realtà la mini Luna potrebbe non essere un asteroide. Bensì, ipotizzano gli esperti, ci sono alcuni indizi che potrebbero far pensare a qualcosa di artificiale. 2020 SO, infatti, è sullo stesso percorso orbitale della Terra, la sua eccentricità (ovvero la misura di quanto l’orbita è deviata da un da un cerchio perfetto) è solo un po’ più alta di quella terrestre e la sua velocità è molto inferiore alla quella di un asteroide Apollo, la classificazione del Jpl Small-Body-Database per gli asteroidi che incrociano l’orbita della Terra, dove rientra anche 2020 SO.

L’ipotesi più probabile, spiegano i ricercatori, è che la mini Luna non sia altro che un detrito spaziale. E in particolare lo stadio Centaur utilizzato per il lancio della sonda Surveyor 2 inviata sulla Luna nel settembre 1966. Le prime stime della Nasa sembrano confermare questa idea, in quanto 2020 SO dovrebbe avere una lunghezza compresa tra 6 e 14 metri, mentre le dimensioni di Centaur erano di circa 12 metri. La mini Luna, che se confermata sarà la terza finora scoperta (dopo 2006 RH120 nel 2006-2007 e 2020CD3 dal 2018 al 2020) dovrebbe passare a salutarci per ben due volte: il primo dicembre 2020, quando si avvicinerà a una distanza di circa 50mila chilometri da noi e, poi, intorno al 2 febbraio 2021, quando volerà a 220mila chilometri dal nostro pianeta. Nessuno dei due passaggi ravvicinati rappresenterà un pericolo, ma queste distanze relativamente vicine e a basse velocità potrebbero essere sufficienti per osservare 2020 SO più nel dettaglio e capire finalmente di cosa si tratta. Se dovesse essere un detrito del Centaur, per esempio, si potrà studiare in che modo la superficie si è degradata negli anni e utilizzare queste informazioni per future missioni spaziali di lunga durata.