Due strisce in terra non fanno una pista ciclopedonale

546 Viewed redazione 0 respond

“Devo purtroppo intervenire riportando alla realtà la giunta comunale Montignosina” – inizia così l’intervento del consigliere comunale Lega Andrea Cella, sulla segnaletica di recente realizzazione su via intercomunale, a confine tra i comuni di Montignoso e Massa.

Cella spiega: “Non è sufficiente far pitturare due strisce colorate in terra, per realizzare una pista ciclopedonale: mi riferisco in particolare alle strisce realizzate sopra l’intersezione tra via intercomunale e via del sale. L’articolo 7 del decreto ministeriale n. 557/1999 parla chiaro: la larghezza minima della corsia ciclabile deve essere pari ad 1,50mt. e deve esserne indicato il senso di marcia, che per le corsie ricavate dalla carreggiata stradale deve essere unico e concorde a quello della corsia contigua destinata ai veicoli a motore. Inoltre ricordo al Sindaco Lorenzetti che la via si chiama intercomunale proprio perchè è divisa fra i comuni di Massa e Montignoso: prima di realizzare qualsiasi tipo di opera che modifichi il corpo stradale o il tracciato è necessario il nulla osta del comune di Massa, ma non è stato presentato nulla da parte dell’Amministrazione montignosina. Tale disposizione è ribadita da una convenzione sottoscritta dai due comuni per la gestione della strada in data 27 novembre 2002 e che prevede una durata di anni 10 rinnovabili tacitamente (e quindi tutt’ora in vigore fino almeno a novembre 2022 o a disdetta di una delle due parti).
Inoltre i problemi di traffico sono lontani dall’essere risolti in una strada a doppio senso e densamente trafficata in periodo estivo come quella: le biciclette che vanno da monti verso mare si contendono come sempre la carreggiata con le automobili, mentre in senso opposto pedoni e bici devono dividersi il poco spazio a disposizione rischiando anche di invadere facilmente la carreggiata dove transitano i mezzi a motore, perchè non vi è alcun tipo di spartitraffico ma solo, per l’appunto, due righe di segnaletica a terra. Ricordo a Sindaco e Giunta che queste decisioni non si concordano tra uno spritz e l’altro, seduti al bar cinqualino da loro prediletto. Non mi risulta nemmeno che il Centro Commerciale Naturale di Cinquale sia stato avvertito o coinvolto in questa scelta. L’invito alla Giunta montignosina è quello di condividere di più le scelte con le realtà cittadine, in questo modo probabilmente il risultato finale sarebbe stato migliore.”

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.
Filed in

‘Filtro anti-porno su tutti i device per proteggere i minori online’. Martedì…

Domenica 5 di Luglio dalle ore 10.30 in poi sarà una giornata all’insegna di Opi-Orgoglio partite iva sulla provincia di Massa Carrara.

Related posts
Comments are closed
Call Now ButtonChiamaci
Translate »