Brutto esordio per le spiagge libere comunali: stalli vuoti e bagnanti mandati via

640 Viewed redazione 0 respond

Gli steward c’erano, le corde a dividere gli stalli pure e c’erano anche tutte le prenotazioni fatte via internet tanto che il piano della spiaggia in mano agli steward risultava al completo.

Quello che non c’era erano i bagnanti. Anzi, no: di quelli ce n’era in abbondanza, ma erano tutti assiepati – in barba alle regole di distanziamento e al goniometro per disegnare i precisissimi recinti in cui ammettere gli utenti delle spiagge libere cittadine – nei pochi spazi recuperati dalle vicine strutture di proprietà della chiesa, al momento ancora chiuse.

Non tutto ha funzionato come, forse, era stato immaginato, per la tanto attesa gestione delle spiagge libere di Marina di Carrara: diversi bagnanti si sono lamentati di non essere stati ammessi perché non avevano la prenotazione e perché la spiaggia libera risultava al completo anche se in realtà alle 15 di oggi, cioè nel pieno della domenica di inizio estate, la maggioranza dei recinti per il contingentamento degli utenti era vuoto. E’ successo nella spiaggia libera vicina alla colonia Regina Pacis, che è la più grande delle tre a disposizione del comune di Carrara.

Una folla di bagnanti, tra i quali anche molti turisti, si è arrangiata negli spazi esterni alla recinzione con nastro bianco e rosso con il quale le strutture della chiesa hanno delimitato le aree di loro pertinenza, pur avendo le strutture chiuse. Tutti, dopo aver tentato di entrare nella vicina spiaggia libera comunale sono entrati sulla spiaggia dall’accesso al mare che si trova vicino al Regina Pacis e si sono riversati nella stretta striscia di litorale parallela alla battigia e al vialetto di accesso al mare. Gli steward in servizio presso la spiaggia libera comunale hanno confermato l’anomalia: “Secondo le regole attuali, chi prenota online si garantisce uno dei recinti della spiaggia libera per tutta la fascia oraria che ha prescelto e anche se non si presenta il suo spazio resta riservato” ci hanno spiegato. “Sarà necessario rivedere alcune disposizioni e concedere la possibilità di riassegnare gli spazi dopo un certo lasso di tempo da quando chi ha prenotato non si presenta”.

Teoricamente, quindi, tutti possono prenotare uno stallo nella spiaggia libera ogni giorno e non presentarsi mai, sapendo tuttavia che nessuno glielo occuperà. E così oggi la spiaggia libera delle colonie ha aperto il suo servizio con molte critiche e molto malcontento.

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.
Filed in

La coordinatrice provinciale di orgoglio partite iva Arianna Bertuccelli

Polizia di Stato: i cyberinvestigatori spezzini denunciano 7 persone per reati commessi in Rete

Related posts
Comments are closed
Call Now ButtonChiamaci
Translate »