Interpellanza sulla Scuola d’Infanzia all’ interno dell’Ospedale del Cuore di Montepepe.

Interpellanza sulla Scuola d’Infanzia all’ interno dell’Ospedale del Cuore di Montepepe.

Maggio 27, 2020 Off Di redazione
Spread the love

Da qualche giorno a questa parte, gira la voce che potrebbe essere cancellato nuovamente il Codice Meccanografico della Scuola dell’ Infanzia dell’Ospedale del Cuore di Massa ( OPA) o in alternativa potrebbe essere mantenuto, senza la presenza dell’insegnante e ciò costituirebbe un grave danno e sarebbe fonte di forte preoccupazione, perché una struttura d’eccellenza come questa, cadrebbe nelle maglie dei tagli dei servizi alla nostra comunità, adottati dall’Ufficio Regionale Scolastico della Toscana e dal Ministero dell’Istruzione.

Già nell’anno 2016, avevamo presentato un’interpellanza sull’allora probabile chiusura della scuola dell’ Infanzia, senza peraltro aver ottenuto una risposta dal Sindaco Volpi, ma soltanto da un Consigliere Regionale eletto nel nostro territorio, di nome Giacomo Bugliani, che respingeva pubblicamente al mittente questa ipotesi, che al contrario, subito dopo si è materializzata con un effetto devastante in considerazione dell’alto numero di bambini che giornalmente venivano ricoverati anche per lunghi periodi.

Poi, nel 2017 fu ripristinato il codice meccanografico senza la presenza di una vera e propria maestra, che fu assegnata solo nell’anno 2018/2019 ed oggi questa figura è a rischio nuovamente, anche se all’ OPA la fascia d’età più numerosa e con le degenze più lunghe è proprio quella dell’ infanzia e quindi la più bisognosa a livello emotivo e psicologico di una figura come quella della maestra. Bisogna anche considerare che negli anni non c’è stato nessun calo di pazienti, anzi, nei mesi settembre 2019-marzo 2020 ( Prima del lockdown ), i ricoveri di bambini sono aumentati in modo esponenziale.

Di fronte a questo reale rischio, manifestiamo forte preoccupazione, perché nel caso peggiore, i bambini ricoverati non potranno più frequentare la scuola , perdendo non solo l’occasione di attività riabilitative, ludiche,educative e di apprendimento , ma anche e soprattutto, la possibilità di condurre una vita normale.

Le preoccupazioni sollevate sono giustificate, in quanto, i piccoli pazienti ricoverati nell’Ospedale del Cuore, sono spesso costretti a lunghi periodi di degenza, a causa di gravi patologie e quindi lo strumento scolastico rappresenta per loro anche un momento di inclusione e di equità sociale , nonché un modo per rendere l’ambiente meno ostile.

Forse gli enti e i soggetti competenti non si rendono conto che negando questa opportunità ai bambini sin dalla tenera età, negano due importanti diritti costituzionali come il diritto allo studio e alla salute.

Per quanto sopra,

Interpelliamo il Sindaco

Per chiedergli di intervenire presso la Regione Toscana per sensibilizzarla alla questione e nel contempo per richiedere informazioni sulla volontà o meno di cancellare il codice meccanografico e per quale plausibile motivo è stata eventualmente assunta questa decisione.

Invitiamo inoltre il Sindaco ad effettuare un sopralluogo presso la struttura per accertare la situazione e verificare in prima persona la necessità di una scuola come quella dell’infanzia di sicuro interesse ed importanza per tutti i bambini ospiti e quindi per attivare e sensibilizzare il Presidente della Regione Enrico Rossi alla problematica, ricordandogli che dovrebbe essere rispettoso dei bambini pazienti ricoverati in ospedale, almeno quanto lo è sempre stato per la popolazione Rom residente nella nostra regione, per la quale ha sempre investito soldi pubblici per concedrgli case, risorse ed insegnamento scolastico.

Il Gruppo Consiliare di Forza Italia

Stefano Benedetti

Giovanbattista Ronchieri