Bugliani: le amministrazioni compiano attività ispettiva per accertare le responsabilità sull’inquinamento delle acque

550 Viewed redazione 0 respond

“Non è accettabile che una problematica come quella dell’inquinamento del fosso del Lavello tra Massa e Carrara continui a danneggiare un territorio e la sua popolazione. Così come non è accettabile che ogni anno immancabilmente si affacci al dibattito pubblico una questione che sembra non avere colpevoli e non avere soluzioni. Anche perché dover fare i conti annualmente con l’inquinamento del Lavello all’inizio di ogni stagione estiva significa ogni volta infliggere un duro colpo al nostro turismo, non solo quello balneare. Anche quest’anno gli indici di inquinamento delle acque, infatti, hanno portato a un divieto di balneazione che danneggia la salute dei cittadini e compromette pesantemente la già difficile stagione turistica alle porte, poiché lede l’immagine della nostra costa e la sua conseguente attrattività per i turisti”.

A dichiararlo è il consigliere regionale PD Giacomo Bugliani in seguito ai rilievi di Arpat effettuati sulle acque della cosa massese, che hanno determinato il divieto di balneazione sul litorale che comprende Massa, Carrara e Montignoso.

“Ho avuto modo di confrontarmi con diversi rappresentanti dei comitati di cittadini e dobbiamo arrivare a una soluzione definitiva – prosegue Bugliani – E’ necessario che tutte le istituzioni pubbliche mettano da parte le proprie appartenenze politiche e collaborino per porre fine a questo annoso problema. Sulla salute dei cittadini e sullo sviluppo del nostro territorio non si scherza e condurre la questione su un terreno di sterile scontro politico è quanto di più dannoso si possa fare per il nostro territorio”.
“Io intendo fare la mia parte per arrivare alla verità e credo che tutti i livelli di governo dei nostri territori debbano fare altrettanto nell’interesse dei cittadini. Se ci sono tassi di inquinamento e anomali sversamenti di liquami ci deve essere per forza una causa. Sia che sia il depuratore a provocarlo, sia che si tratti di altre cause, non possiamo più basarci su semplici ipotesi. Servono verifiche sugli investimenti e controlli approfonditi sui corsi d’acqua. Per questo ho già contattato gli uffici regionali e Arpat per avere puntuali aggiornamenti sul tema degli investimenti fatti dal depuratore del Lavello. La Regione, nell’ambito dell’accordo sulla balneazione, ha stanziato importanti risorse per interventi strutturali sui depuratori e per questo ho già attivato, attraverso l’assessore regionale competente, gli uffici perché verifichino il corretto impiego di queste risorse. Ma questa è soltanto una parte del percorso che deve essere fatto. C’è una questione, però, che è prioritaria: occorre compiere e portare a termine quell’attività ispettiva (richiesta dall’accordo siglato sulla balneazione) che è la sola che potrà portarci definitivamente ad accertare cause e responsabilità. Questa attività compete ai comuni e confido nel fatto che, nel pieno rispetto dei ruoli e della virtuosa collaborazione tra le istituzioni, le amministrazioni locali vogliano intraprendere questo percorso, che è tutto nelle loro mani. Ciascuno faccia la sua parte, perché al nostro territorio servono certezze e risposte definitive”.

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.
Filed in

OBAMAGATE, il Sistema Globale sta per essere distrutto

APPROVATE LE MODIFICHE AL REGOLAMENTO DELLE VLT: UN PASSO AVANTI DI FORTE IMPORTANZA SOCIALE

Related posts
Comments are closed
Call Now ButtonChiamaci
Translate »