ESPOSTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL…

511 Viewed redazione 0 respond

AL PREFETTO DI MASSA CARRARA
P.c. ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI MASSA
P.c. AI CARABINIERI DI MASSA
P.c. AL MINISTRO DELL’ INTERNO

Oggetto : FESTA DELLA LIBERAZIONE
Egregio Prefetto,
questa mattina ho letto le sue dichiarazioni circa lo svolgimento della Festa di Liberazione del 25 Aprile a Massa, che a mio avviso è stata organizzata in barba al DPCM in vigore e con una “ interpretazione “ della circolare

ministeriale, la N. 15350/117 firmata dal Capo di Gabinetto Piantedosi, alquanto vaga ed incompleta. Non voglio ritornare sul fatto accaduto, di per se gravissimo e documentato da filmati pubblicati sui social, dai quali ho potuto constatare che alla manifestazione erano presenti almeno 30 persone, tra i quali diversi dell’ ANPI e civili, oltre al dirigente ANPI Ianni, che peraltro è intervenuto con la mascherina abbassata, ma evidenziarle che in quel momento si è consumato un reato, per il quale mi aspetto l’avvio di una indagine da parte sua e dei Carabinieri per accertare, sia attraverso le testimonianze, che visionando i filmati a disposizione, la palese violazione e quindi, assumendo i conseguenti provvedimenti previsti per legge, come le sanzioni e le denunce all’autorita giudiziaria.
Ritornando alle sue dichiarazioni, premetto che ho dei dubbi anche circa l’applicazione della circolare in oggetto , perché essendo il DPCM una Legge che permette di uscire solo per necessità, salute o lavoro e tanto meno di riunirsi in tante persone in una pubblica piazza per manifestare, le circolari non posso modificarla, ma non è questo al momento il punto.
Leggendo la circolare sul 75esimo anniversario della Liberazione, si può ben capire quanto sia stata irregolare la manifestazione organizzata a Massa, perché il Capo di Gabinetto del Ministero, scrive chiaramente che, oltre alla autorità “ Deponente “, è prevista la partecipazione delle Associazioni partigiane e combattentistiche rappresentate da una “ Unica rappresentanza” , quindi un solo soggetto, che avrebbe dovuto rappresentare tutte le associazioni. Mi riferiscono, tra all’altro, che Lei abbia convocato solo l’Anpi e nessun altra associazione combattentistica e ciò è alquanto originale, poiché la Festa della Liberazione qfu istituita con R.D. luogotenenziale nel 1946, che rappresenta per le associazioni combattentistiche un momento di irrinunciabile partecipazione. Il Capo di Gabinetto conclude in questo modo “ Si ribadisce, altresì, l’esigenza che non siano coinvolte altre autorità, civili o militari, e che sia esclusa qualsiasi forma di assembramento “. Quindi, riassumendo, le prescrizioni sono molto chiare e alla manifestazione autorizzata dal Prefetto, su indicazione del Ministero dell’ Interno, potevano partecipare, Il Presidente dell Provincia e il Sindaco Persiani, oltre un rappresentante delle Associazioni partigiane e combattentistiche e nessuna altra autorità e nessun civile. Nel filmato e nella foto abbiamo potuto vedere un vero e proprio assembramento formato da circa trenta persone, tra le quali alcuni giovani e anziani, L’ ex Sindaco Roberto Pucci, i Consiglieri Comunali di Massa Alberti e Mosti, Giuliano Minuto, l’ex On. Cordoni, l’attuale Onorevole Nardi, il Consigliere Regionale Bugliani e chi più ne ha, più ne metta.
Per quanto sopra, La invito ad attivarsi per accertare le violazioni evidenziate, perseguendo gli eventuali responsabili sia penalmente che civilmente.
Allego circolare del Ministero dell’ Interno .
Certo di un Suo pronto riscontro, porgo
Distinti saluti
STEFANO BENEDETTI
CELL. 320/8514178

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.

MASSA,Don Gnocchi, situazione allarmante. Personale contagiato e collasso organizzativo

MASSA:Droga sotto le piastrelle e un machete sotto il letto, la scoperta della Polizia di Stato

Related posts
Comments are closed
Call Now ButtonChiamaci
Translate »