CORONA VIRUS:Persiani chiude anche le fontane di acqua pubblica

415 Viewed redazione 0 respond

Trenta nuovi casi di positività al Covid-19 (18 Apuane, 12 Lunigiana) e 3 decessi nella giornata di oggi in provincia di Massa-Carrara. In un video il sindaco di Massa è tornato ad aggiornare i cittadini sull’andamento della diffusione a livello comunale del Coronavirus e ha annunciato nuove misure per limitare gli assembramenti.

Allineandosi a quanto indicato dal Governo, ha comunicato che è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici, e che resta consentito svolgere individualmente attività motoria nei pressi della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona. Non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto. E saranno chiusi gli esercizi alimentari nelle stazioni ferroviarie, oltre che lo stop agli spostamenti verso le seconde case nei giorni festivi.

“Mi pare che sia chiaro il messaggio che dal Ministero ci giunge. Dobbiamo restare a casa nostra, ognuno a casa propria” commenta Persiani nel video. Poi l’annuncio della chiusura delle fontane pubbliche di Canevara, Cristallo, Rocca e San Carlo, una misura che potrebbe contrastare con l’indicazione del Governo che chiede di tutelare i beni essenziali.

“Ho comunicato di aver adottato ulteriori misure restrittive, disponendo la sospensione di erogazione di acqua potabile dalle fontane pubbliche sul territorio comunale. In particolare quelle di Canevara, Cristallo, Rocca e San Carlo e l’accesso alle aree antistanti. Perché anche questo era un momento di assembramento, probabilmente perché se si fosse rispettato le regole probabilmente non si sarebbe giunti a dover stringere ogni volta le regole”, ha detto il sindaco.

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.

CORONA VIRUS:Ferri (Fi): «Subito più tamponi a Massa-Carrara»

CORONA VIRUS:A Carrara arrivano le mascherine dalla Cina, a Massa i detenuti ne producono 5000 al giorno

Related posts
Comments are closed
Call Now ButtonChiamaci