Welcome to 0585news   Click to listen highlighted text! Welcome to 0585news

MASSA:Renara, un fiume da sequestrare

407 Viewed redazione 0 respond

Il vicepresidente del WWF Alta Toscana Onlus Gianluca Giannelli ancora una volta denuncia la situazione di degrado in cui si trova il territorio provinciale. Questa volta è il torrente Renara a finire nel mirino degli ambientalisti. E con ragione:

Sconcertante situazione lungo il torrente Renara affluente del Fiume Frigido, nonostante le tante segnalazioni e proteste per il degrado causato da persone incivili che utilizzano il corso d’acqua e Comune e Regione che stanno a guardare da anni, colpevoli esso stessi del degrado e inquinamento procurato all’Ambiente.

Altro che un Mondo senza plastica , questo è un Mondo ipocrita, dove conta solo l’immagine e il fare proclami senza sostanza. Come ogni anno le rive del Torrente sono invase da strutture abusive e cosparse di plastiche e rifiuti che sistematicamente con l’arrivo delle piogge, in parte vengono trascinate a mare causando la morte di Cetacei, Delfini e Tartarughe marine tra gli animali più rappresentativi, mentre le micro-sostanze plastiche ingerite dai pesci entrano nella catena alimentare di noi essere umani.

Alcuni anni fa le disciolte G.A.V. (Guardie Ambientali Volontarie, altra grande trovata della Regione Toscana con sperperio di finanziamenti dissolti nel nulla) in collaborazione con il WWF e Asmiu, demolirono e portarono via Baracche e rifiuti di ogni tipo cercando di riportare questi luoghi allo stato naturale. Ma a nulla è valso se poi nessuno ti segue , i controlli non si fanno, e lo Stato è latitante.

Le Guardie Giurate del WWF hanno percorso tutto il tratto del torrente, fotografando tutte le illegalità, e oltre a chiede intanto pubblicamente che chi di dovere smantelli il tutto e bonifichi l’area, che sia deliberato il divieto di realizzare nessun tipo di struttura, che sia modificato il corso d’acqua e create vasche con l’utilizzo di materiale plastico. Chiederemo oltre che sia sequestrato tutto il tratto interessato per distruzione di bellezza naturale e inquinamento presso la Procura della Repubblica di Massa Carrara e che siano individuati i responsabili sia privati che pubblici che a loro modo si sono resi partecipi del degrado della nostro territorio.

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.

Casa distrutta dal fuoco: salvi per miracolo due coniugi inglesi residenti a Licciana

La variante di Santa Chiara a Gassano si farà: soddisfatto Bugliani (Pd)

Related posts
Comments are closed
Click to listen highlighted text!