Welcome to 0585news   Click to listen highlighted text! Welcome to 0585news

Presentato il nuovo consiglio direttivo provinciale della LILT di Massa Carrara

790 Viewed redazione 0 respond

Il nuovo presidente del LILT (lega italiana per la lotta contro i tumori) di Massa Carrara, dottor Pietro Bianchi, presenta il nuovo consiglio direttivo provinciale. Sentiti sono i ringraziamenti al CDP uscente e all’ex presidente dottor Carlo Ceccopieri, presente anche lui alla conferenza, grazie ai quali la LILT è stata mantenuta attiva e vitale, nonostante alcune gravi difficoltà iniziali.

Il nuovo CDP è costituito dalla dottoressa Leonardi coordinatrice delle attività di segreteria e pubbliche relazioni, il dottor Lembi vice presidente che proseguirà nella attività di prevenzione del tumore al seno coordinando l’ambulatorio senologico supportato dal dottor Giovanni Boni, la dottoressa Catalano che seguirà l’ambulatorio urologico, il dottor Pesenti Barili che, oltre la prevenzione dei tumori ossei, curerà il sito internet dove per Statuto devono essere pubblicati i bilanci e su cui verranno inserite le varie iniziative e i documenti dell’Associazione.

Il presidente Bianchi pone i più sentiti ringraziamenti anche alle volontarie, che si mettono a disposizione per il servizio d segreteria (dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12) e per l’assistenza nello svolgimento delle visite.

Alcuni degli obiettivi che il nuovo CDP vuole realizzare e portare a termine sono:

– Organizzare una sezione in Lunigiana

– Collaborare con la dottoressa Anna Lalli per un ambulatorio di psico oncologia, con inizio a gennaio

– Collaborare con il centro senologico per avere a disposizione due infermiere che insegnino l’autopalpazione alla fascia di popolazione femminile dai 20 ai 50 anni fuori dagli screening istituzionali, in quanto è stato riscontrato un aumento di insorgenza di neoplasie mammarie in pazienti con meno di trent’anni.

Il presidente ed i membri del direttivo ci tengono a sottolineare la necessità di un registro provinciale dei tumori, che permetterebbe di programmare, anche avvalendosi di studi epidemiologici, campagne di prevenzione mirata in base ai tipi di tumore, area per area.

La conferenza è stata chiusa da un messaggio positività per quelle famiglie che stanno attraversando questa esperienza devastante.

Infatti secondo il rapporto “I numeri del cancro in Italia 2019” affronta la situazione generale delle patologie oncologiche, le quali anche se sono in aumento, diventano patologie curabili e/o cronicizzabili.

“I dati relativi ai trend temporali- cita il presidente – indicano che l’incidenza dei tumori e in riduzione in entrambi i generi: calano i tumori dello stomaco e del fegato.

Negli uomini continua a diminuire l’incidenza di tumore del polmone, della prostata, del colon-retto (grazie agli effetti dello screening oncologico che permette di interrompere la sequenza adenoma-carcinoma del colon).

E anche nelle donne si assiste ad un calo dei tumori del colon-retto.

In entrambi i generi continua il trend in crescita dei tumori del pancreas, del melanoma e dei tumori della tiroide (per l’affinamento delle tecniche diagnostiche).” “Le percentuali più elevate di sopravvivenza a 5 anni – continua – si registrano in Emilia-Romagna e Toscana sia negli uomini (56%) sia nelle donne (65%).”

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.
Filed in

Quando il sonno può nascondere una patologia. 700 pazienti in Toscana affetti da Narco…

Mammografia mobile, De Pasquale: “Migliora la prevenzione e aumentare l’afflusso al Monoblocco”

Related posts
Comments are closed
Click to listen highlighted text!