PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DI MASSA

724 Viewed redazione 0 respond

Domani in Consiglio Comunale si voteranno diversi emendamenti di modifica al Regolamento per il Funzionamento del Consiglio Comunale, approvato negli anni passati dalla maggioranza, ma ritenuto del tutto sbagliato ed utilizzato solo come strumento per mettere in difficoltà l’ amministrazione.

Un regolamento non funzionale alla città, poiché crea degli ostacoli e rallenta costantemente i lavori del consiglio, l’assise che delibera e decide il futuro della città e non modificarlo ora,  significherebbe arrivare alla paralisi, storia già vista in passato, soprattutto durante l’era Volpi, quando si  votavano le controdeduzioni al Nuovo Regolamento Urbanistico. I Consiglieri Alberti e Dell’Ertole che oggi scalpitano ed urlano allo scandalo, sono molto esperti in materia e sanno perfettamente che con queste modifiche il Consiglio Comunale e le Commissioni  funzioneranno meglio e anziché sfruttare i soliti giochini per far mancare il numero legale, saranno costretti, loro malgrado, a confrontarsi seriamente sulle tematiche locali e quindi a svolgere un ruolo concreto in favore della cittadinanza. Alla conferenza dei Capigruppo, qualche consigliere, sempre di minoranza, si è dichiarato perplesso per la velocità con cui la maggioranza ha preparato e portato all’attenzione del consiglio gli emendamenti in oggetto, facendo presente che in passato i processi erano molto più lunghi e logoroici, dimenticandosi però  di ricordare che questa è l’amministrazione del fare e che non intende sottostare alla vecchia logica politica tanto caro al Centro Sinistra.

Non voglio entrare nel merito di tutti gli emendamenti, ma sottolineare solo quelli più importanti , in primis la modifica del numero dei componenti delle commissioni da pari a dispari, come stabilito dalla normativa vigente e ciò porterà inevitabilmente anche ad un risparmio, perché la proposta è quella di diminuire il numero dei componenti dai dieci attuali a nove ( 6 magg.+ 3 min. ).

Altro emendamento fondamentale per il buon funzionamento del Consiglio Comunale, è quello sul numero legale. L’attuale Regolamento stabilisce che nel caso di mancanza del numero legale il consiglio si scioglie  alla prima votazione e la nuova proposta della maggioranza prevede,invece, che qualora in sede di votazione si rilevi la mancanza del numero legale, il Presidente sospende la seduta per un tempo non superiore a sessanta minuti, trascorsi i quali procede ad un secondo appello. Quindi una modifica sostanziale che garantisce alla città più certezza nei lavori del consiglio e maggior risparmio, perché nel primo caso, il consiglio dovrebbe essere convocato nuovamente per discutere gli stessi ordini del giorno con un costo raddoppiato, sia per i gettoni di presenza, sia per le spese vive di gestione.

L’altra modifica importante stabilisce che il Presidente del Consiglio Comunale può delegare i singoli consiglieri alla partecipazione di eventi di carattere istituzionale autorizzando anche l’uso della fascia di Presidente ai sensi dell’ Art. 84 comma 1 del D.lgs n. 267/2000.

L’auspicio è che i consiglieri di minoranza comprendano l’utilità di tali strumenti e  votino favorevolmente gli emendamenti, dimostrando, in questo modo, il proprio senso di responsabilità nei confronti della città e di dei cittadini tutti.

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

STEFANO BENEDETTI   

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.

Help point Service dice no ai botti di capodanno

Lancia le ceneri in Consiglio comunale: «Non voglio finire così»

Related posts
Comments are closed
Call Now ButtonChiamaci
Translate »