Welcome to 0585news   Click to listen highlighted text! Welcome to 0585news
11:57 am - mercoledì marzo 20, 2019

Va alla giornata di prevenzione del Centro Ponticello e la cardiologa si accorge che la donna ha un infarto in corso. Oltre 200 le visite effettuate

418 Viewed redazione Commenti disabilitati su Va alla giornata di prevenzione del Centro Ponticello e la cardiologa si accorge che la donna ha un infarto in corso. Oltre 200 le visite effettuate
Gianbi Barattini e Lorenzo Bertellotti
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Una signora di Massa sessantotto anni è stata salvata stamani dalla
cardiologa del Centro Medico Ponticello di Massa: dottoressa Valentina
Barletta in occasione de “La prevenzione in…… rosa”

Una veduta di un anbulatorio

 

 

La giornata (di

prevenzione del rischio cardio vascolare e tumore al seno e tiroide) che,
promossa dal Gruppo di specialisti volontari, si è tenuta nei moderni
ambulatori del “Centro Medico Ponticello” di via Ponticello sud 4 . La
signora si era recata al Centro per partecipare appunto alla “giornata”e per
sottoporsi alle visite gratuite programmate . Mentre scorreva il tracciato la

Moderne apparecchiature
cardiologa si è accorta che era in corso un infarto. Immediato l’arrivo
dell’ambulanza che ha portato in ospedale la signora. Molti gli specialisti
presenti all’evento: Dottor Gianni Barattini: Visite dermatologiche
(controllo Nei); Dott.ssa Valentina Barletta: Visite cardiologiche complete
(con ecocuore) e ECG; Dottor Lorenzo Bertellotti: Ecodoppler TSA ed
eco al seno; Dottor Antonello Giannoni: Visite nutrizionali; Dott.ssa Erica
Giovannelli: Consulenze riabilitative pavimento pelvico; Dottor Paolo
Migliorini: Visite ginecologiche; Dottor Tito Torri: Ecografia Tiroide,
Dottor Valli Mario: Visita senologica; tutti hanno refertato casi non gravi
come l’infarto ma suscettibili di attenzione. Ancora una volta di più
giornate come queste che non vogliono sostituirsi alle varie strutture
sanitarie del territorio o ai medici di famiglia sono di forte ausilio per la
prevenzione. Da dire che fin dalle 8 davanti all’ingresso del Centro si era
assiepata una grande folla di donne: l’evento era solo dedicato a loro in
occasione della Giornata internazionale della donna che ricorre, come è
noto, l’8 marzo di ogni anno per ricordare sia le conquiste sociali,
economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne
sono state e sono ancora oggetto in quasi tutte le parti del mondo. Un
ringraziamento agli specialisti ed alla proprietà è stati rivolto
dall’Amministrazione comunale rappresentata dall’assessore Andrea Cella.

Gianbi Barattini e Lorenzo Bertellotti
“La grande folla presente stamani al Ponticello è la chiara dimostrazione di
quanto la collettività vuole iniziative come questa che fortunatamente non
sono episodiche nel nostro comprensorio”. Da parte sua il dermatologo
dottor Gianni Barattini ha sottolineato che “una delle carte vincenti della
medicina moderna è la prevenzione degli eventi morbosi con conseguente
abbattimento a lungo termine dei costi. In questa ottica il servizio medico

dermatologico di Ponticello in occasione della “festa della donna” ha
offerto la propria opera nella prevenzione del melanoma della cute
attraverso un sofisticato apparecchio un video dermatoscopio di ultima
generazione che consente di sezionare, ancor prima del melanoma, quei
nevi con caratteristiche di atipia destinati,poi, alla rimozione chirurgica e
quindi alla prevenzione del melanoma. Un ringraziamento da parte
dell’organizzazione al “Centro Medico Ponticello” che mette a
disposizione macchinari di ultima generazione e la bellissima struttura
dell’Alta Toscana dedicata alla prevenzione, riabilitazione ed alla tutela
della salute di tutta la famiglia.
Nelle foto: i dottori Gianni Barattini e Lorenzo Bertellotti; moderne
apparecchiature delCentro.

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.
Filed in
14jvrg1g

Salvadori (Uil) contro l’Asl: «Valutazioni differenti, serve convocazione tavolo»

DSCN0841

Convegno sul progetto Ecmo all’Opa e unico non solo in Toscana per la sopravvivenza dei pazienti colpiti da insufficienza cardiorespiratoria acuta refrattaria alle terapie convenzionali

Related posts
Comments are closed
Click to listen highlighted text!