Welcome to 0585news   Click to listen highlighted text! Welcome to 0585news
11:12 am - mercoledì marzo 20, 2019

Carrara, medici in allarme; Marchetti (FI) dà loro ragione «Le politiche regionali hanno impoverito il sistema allo stremo

287 Viewed redazione Commenti disabilitati su Carrara, medici in allarme; Marchetti (FI) dà loro ragione «Le politiche regionali hanno impoverito il sistema allo stremo
????????????????????????????????????
????????????????????????????????????
Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E ora su questa desertificazione medica si abbatteranno gli esodi pensionistici»

 

Dati preoccupanti dal Capogruppo regionale di FI Maurizio Marchetti

 

«L’allarme lanciato dai camici bianchi a Carrara su una progressiva demedicalizzazione del sistema sanitario toscano è fondato e trova radici nella continua corsa al risparmio ingaggiata ormai dalla giunta regionale che sta veramente raschiando il fondo di un barile vuoto ormai da un pezzo. Questa marcia sull’orlo del precipizio va poi a incrociare una dinamica nazionale che per i prossimi anni, complici i provvedimenti di questo governo come ‘quota 100’, vede una pericolosa desertificazione di camici bianchi tra esodi pensionistici e mancato ricambio. E il settore dei medici di famiglia non è meglio messo»: a intervenire al fianco dei medici dopo l’allarme lanciato dal presidente del loro ordine a Carrara è il Capogruppo di Forza Italia Consiglio regionale MaurizioMarchetti che da tempo invoca assunzioni di personale sanitario e sfoltimento degli apparati per adeguare gli organici sanitari ai bisogni espressi dalla popolazione.

«Nei giorni scorsi il Sole24Oreparlava di 52.500 medici che in Italia andranno in pensione da qui al 2025, con concentrazione tra il 2019 e il 2021 per l’effetto di ‘quota 100’. La gobba pensionistica, la cui normalizzazione è prevista solo nel 2030, in Toscana andrà ad impattare su un sistema già carente di specialisti, dove i medici d’eccellenza che ancora ci sono cercano di saltar fuori dal carro pubblico soprattutto per discipline come le ortopedie e dove gli infermieri con formazione che il mondo ci invidia vanno appunto via, disperdendo professionalità a vantaggio di altri paesi europei che meglio sanno valorizzarne esperienza e capacità… e qui, dove già si è tenuto il sistema bloccato e privo di turn over troppo a lungo, si va al collasso».

Non solo negli ospedali: «Anche tra i medici di famiglia, secondo i dati messi a disposizione dalla loro Federazione nazionale, si va dritti alla crisi dal momento che ad andarsene in pensione saranno in Toscana 1.085 professionisti da qui al 2022, che diventeranno 2.069 nel 2028 con picco nel 2022, quando ad appendere il camice al chiodo nella nostra regione saranno ben 271 medici di famiglia».

Don't miss the stories follow0585news and let's be smart!
Loading...
0/5 - 0
You need login to vote.
rxtmtaaz

Primarie Pd, Luca Nicolini eletto nell’assemblea nazionale

festa-della-donna-discoteche-roma

Legacoop Toscana: domani 8 marzo a Massa l’assemblea provinciale in preparazione del 13° Congresso regionale

Related posts
Comments are closed
Click to listen highlighted text!